Comunicazione con i gatti: i gatti conoscono il loro nome? | Pet Yolo

katzenkommunikation

comunicazione del gatto

Nella comunicazione felina, i suoni sono di secondaria importanza. Ad esempio, il tipico “miagolio” è inteso solo nella fase giovanile nello scambio tra mamma gatta e gattino e scompare man mano che cresce. Sibili, ringhi e urla sono suoni che vengono utilizzati anche nella comunicazione tra gatti adulti. Alcuni di loro sono persino compresi tra le specie. Ad esempio, il sibilo del gatto suona simile al sibilo di un serpente ed è interpretato da entrambe le specie come un suono minaccioso.

Ma com’è la comunicazione felina con noi umani? I gatti comunicano con noi in modi diversi e fino a che punto riconoscono il proprio nome, ad esempio? Possono davvero riconoscerlo o è solo una coincidenza che Paulchen si precipiti dal suo proprietario non appena lei torna a casa e lo chiami?

La comunicazione del gatto è sempre individuale

In effetti, la comunicazione del gatto o la vocalizzazione del gatto non sono state ancora ben studiate. Nel 2017 è stato pubblicato un entusiasmante libro di un professore svedese di fonetica, che ha esaminato i diversi suoni prodotti dai gatti e ha cercato di scomporli in schemi linguistici e interpretarli. C’è anche un sito web con suoni registrati che il lettore può ascoltare insieme al libro. Tuttavia, si tratta più dei suoni naturali degli animali e del loro significato.

È già noto che quando i gatti vivono con noi, miagolano per comunicarci i loro bisogni. Ogni gatto sviluppa il proprio “vocabolario” con il suo umano, che ovviamente utilizza per interagire con maggior successo con il suo proprietario. Impara come reagiamo alle diverse forme di miagolio e lo adatta alla nostra vita quotidiana. Non sempre la ascoltiamo, perché a volte il dolce “Mau” si trasforma in un lamento esigente, prolungato, che si usa soprattutto di notte o in situazioni per noi più inquietanti, per chiedere cibo, qualcosa da fare o qualche altra forma di attenzione. Se il miagolio priva regolarmente le persone del sonno o se prevale anche nella vita di tutti i giorni, il vocalizzo è in definitiva anche motivo di consultazione in una pratica per il comportamento felino. Alcune razze come il siamese sono considerate particolarmente comunicative.

Continua a leggere:  Allergie del cane: come trattare e prevenire i sintomi dell'allergia | Pet Yolo

I ricercatori giapponesi dimostrano il riconoscimento del nome

Nel frattempo è stato pubblicato uno studio dal Giappone, in cui è stato dimostrato che i gatti possono effettivamente riconoscere i loro nomi e distinguerli dalle altre parole. Parole che suonavano simili venivano prima suonate ai soggetti felini, dopodiché gli animali perdevano sempre più la loro attenzione. Solo quando il loro nome è stato sentito, la maggior parte di loro ha mostrato una forma di attenzione o riconoscimento con un movimento della testa o dell’orecchio, sia da parte dei proprietari che da parte di estranei.

In un ulteriore studio, è stato infine stabilito che anche i singoli animali nella famiglia multi-gatto sembravano distinguere i loro nomi individuali. Tuttavia, fino a che punto lo ascoltano è tutta un’altra questione.

Ciò che vale la pena viene mostrato di più

Come in molte aree, i gatti sembrano rispondere principalmente ai loro nomi quando lo associano positivamente e hanno un buon rapporto con il loro umano, proprio come possono imparare brevi comandi durante l’addestramento ai trucchi, a condizione che un trucco eseguito sia seguito da qualcosa di utile. “Sit”, “down” e “highfive” sono combinati con un’azione prevista, come entrare nella scatola di trasporto o, nel caso più semplice, saltare sul divano accanto alla persona che batte la mano nel punto appropriato. Il gatto impara ad associare comandi verbali o indicazioni a un’azione.

È bello vedere che comprendiamo sempre di più questi affascinanti esseri, non solo ne sentiamo l’individualità e l’intelligenza, ma le studiamo anche scientificamente e impariamo a percepirli come creature sensibili e versatili. I nostri gatti sono molto più intelligenti e comunicativi di quanto spesso si pensasse in passato – dipende solo dalla giusta motivazione, ad esempio se Kitty reagisce al suo nome o sembra semplicemente stanca.

Continua a leggere:  Collie barbuto in ritratto di razza | Pet Yolo

Author

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *